SPORTELLO TELEMATICO ACI - MCTC

                                      

  Intestazione Temporanea dei Veicoli

Nel caso in cui l'intestatario della carta di circolazione (comodante) conceda in comodato l'utilizzo del proprio autoveicolo, motoveicolo o rimorchio ad un terzo, chi prende in comodato il veicolo (comodatario) ha l'obbligo di darne comunicazione al competente Ufficio Motorizzazione Civile (UMC), richiedendo l'aggiornamento della carta di circolazione.

L’obbligo di aggiornamento della carta di circolazione è previsto:

bulletper i contratti di comodato (a titolo gratuito) stipulati a decorrere dal 3 novembre 2014 e che abbiano una durata superiore a trenta giorni naturali e consecutivi
bulletche prevedano un uso esclusivo e personale del veicolo da parte di chi prende in comodato il veicolo (utilizzatore).

Gli obblighi di comunicazione debbono essere adempiuti entro 30 giorni, naturali e consecutivi, dalla stipula del contratto.

Sono esentati da tale obbligo i componenti del nucleo familiare, purché conviventi. E’ comunque possibile richiedere, se si ritiene, l'aggiornamento della carta di circolazione

L'annotazione della intestazione temporanea presuppone l'uso esclusivo e personale del veicolo in capo all'utilizzatore.

Da ciò consegue che non è consentito:

bulletche lo stesso veicolo possa essere contemporaneamente intestato, in via temporanea, a nome di due o più utilizzatori.
bulletche il comodatario possa a sua volta concedere ad altro soggetto l'uso del veicolo (subcomodato).

I veicoli possono essere concessi in comodato sia a persone fisiche sia a persone giuridiche.

La procedura, per i veicoli non aziendali, prevede l’emissione di un tagliando di aggiornamento nel quale è annotato:

bulletil nome,
bulletil cognome,
bulletil luogo e la data di nascita
bulletla residenza del comodatario (ovvero la sede principale o secondaria, se si tratta di persona giuridica),
bulletla scadenza del comodato,

E’ apposta la dicitura: "Comodato - Intestazione temporanea effettuata ai sensi dell'art. 94, comma 4-bis, c.d.s.".

 

NOTA BENE:

Intestatario è: il proprietario del veicolo; il "trustee"; il locatore (nel caso di locazione senza conducente); il nudo proprietario (in caso di usufrutto); l'acquirente (in caso di acquisto con patto di riservato dominio); il locatario (nel caso di leasing); l'usufruttuario.

Per l’art. 1803 c.c. il comodato è il contratto col quale una parte consegna all'altra una cosa mobile o immobile, affinché se ne serva per un tempo o per un uso determinato, con l'obbligo di restituire la stessa cosa ricevuta. Il comodato è essenzialmente gratuito.

 

 

Quando il veicolo rientra nella piena disponibilità dell'intestatario, in conseguenza della scadenza del comodato, l'intestatario può ottenere la cancellazione dell'annotazione del comodato mediante richiesta di duplicato della propria carta di circolazione

Se vi è stata rinuncia del comodatario prima della scadenza del contratto, l'intestatario allega alla istanza di duplicato la propria dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà (art. 47, d.P.R. n. 445/2000) attestante detta circostanza.

A scadenza del comodato, ovvero prima della scadenza se il comodatario vi rinuncia restituendo il veicolo, l'intestatario può concedere il proprio veicolo in comodato ad un nuovo soggetto, il quale è tenuto a richiedere l'emissione del tagliando di aggiornamento.

Soggetti legittimati alla presentazione della domanda :

Studio di Consulenza Automobilistica

modulo comodato d'uso privati

COMUNE DI MILANO COMODATO D'USO

http://www.comune.milano.it/wps/portal/ist/it/servizi/mobilita/sosta_parcheggi/sosta_residenti_dimoranti/richiesta_pass_sportelli

horizontal rule

Agenzia pratiche auto 3S Via Raffaello Sanzio, 31 - 20149 Milano

 Telefono 0248013306 Fax: 024981739 cell. 3382140792 Internet: www.agenzia3s.it

Home ]